Lavoro giovanile: benvenuta “Generazione Covid”